Ferrari 250 Testarossa

FERRARI 250 TESTAROSSA LM
di Michele Montemurro

modello Hasegawa scala 1/24  

La Ferrari 250 nasce dal cambiamento del regolamento nel 1958 per le vetture Sports Car, che fissava a 3000 cc la cilindrata massima per il motore. Costruita dal 1957 al 1961 in soli 34 esemplari, risulta la seconda Ferrari più ricercata dai collezionisti dopo la Ferrari GTO 250, un esemplare è stato venduto a 9.020.000 € che risulta la cifra più alta mai registrata in una vendita di automobili tra privati.
Chiamata TESTA ROSSA per la colorazione particolare della parte superiore del motore, partecipò a molte competizioni, vincendo sia in Europa che in America. Vittoriosa alla 1.000 km di Buenos Aires nel 1958, campione del mondo nella categoria vetture sport nel 1958 conquistando anche il secondo e quarto posto. Vinse anche alla 12 ore di Sebring del 1958, la 24 ore di Le Mans nel 1960 e nel 1961 con alla guida Phil Hill. Per tre anni comunque dominò le corse delle vetture Sports Car.

Caratteristiche:
La carrozzeria di Scaglietti è costruita con fogli di alluminio da 1 mm.
Motore a 12 cilindri a V di 60° alesaggio e corsa 730x 58,8 per un cilindrata totale di 2953,21 cm cubi., Potenza massima 300 CV a 7.000 giri installato anteriormante in posizione longitudinale.
Distribuzione, 2 valvole per cilindro 1 albero a camme in testa
Alimentazione con 6 carburatori Weber 38 DCN.
Accensione mono con 2 spinterogeni.
Trasmissione frizione monodisco a secco fichtel-sachs, cambio a 4 velocità piu rm, differenziale autobloccante ZF.
Telaio tubolare, sospensione anteriore a ruote indipendenti, quadrilateri deformabili, molle elicoidali, freni a tamburo a comando idraulico.
Dimensioni e peso: carreggiata anteriore 1.308 mm., posteriore 1.300 mm., serbatoio da 140 l. velocità massima 269 km/h
.